DOVE MANGIARE A SPEZIA?

DOVE MANGIARE A SPEZIA?

Il rapporto degli spezzini con il cibo è una questione molto seria, da non sottovalutare. Spezia, ma la Liguria in generale è conosciuta in tutto il mondo per i suoi piatti e i prodotti (generalmente km0) che li caratterizzano.

Molte ricette raccontano di una vivacità che si esprime a livello gastronomico attraverso piatti poveri e alcuni cibi di strada da consumare tra i carugi, un esempio? La Fugassa!

A Spezia sono svariati i piatti tipici che fanno parte sia della tradizione marinaresca che di quella contadina.

In città è comunque possibile testare, oltre alla cucina tipica tradizionale, anche altre cucine e quindi ho pensato di stilare una lista di posticini in base al tipo di pit-stop culinario che avete voglia e intenzione di fare.

Vi segnalo quindi alcuni dei miei “aplaceinlaspezia culinari” sulla base di quelle che sono le specialità culinarie e i piatti assolutamente da non perdere.

CUCINA TIPICA TRADIZIONALE:

OSTERIA ALL’INFERNO DAL 1905 (Via Lorenzo Costa, 3): non a caso detiene il primo posto nella mia lista, accogliente e storica osteria a conduzione familiare che serve piatti locali tipici di pasta e pesce ad ottimi prezzi. Qui è tutto buonissimo e proprio non saprei dirvi qual’è il loro piatto forte, sicuramente sono tutti tipici e ne uscirete soddisfatti!

ANTICA OSTERIA NEGRAO (Via Genova, 428): in un ambiente rustico e familiare propone una cucina tipica spezzina del tutto artigianale. Se volete provare piatti tipici dovete chiedere la mesciua, i raviei di Nella, i Muscoli ripieni, lo stoccafisso in umido o il coniglio alla cacciatora.

VECCHIA OSTERIA SAN ROCCO (Via Montalbano, 25): intima e deliziosamente arredata, con in sottofondo sempre della buona musica, vanta un splendida vista sul golfo. Offre un menù ricercato con piatti di carne e di pesce.

LA LOCANDA DEL GALLESE (Via Fabio Filzi, 56): Aperta negli anni ’60 circa come locale di ritrovo ed aggregazione per la Comunità di Biassa, è oggi un punto di riferimento per tutta la città della Spezia. Tra gli imperdibili ci sono i loro “raviei” caserecci e i panigacci, ma non sono da meno i loro tagliolini ai mirtilli.

RISTORANTE LA GIRA (Via Genova, 622): Affonda le radici nel lontano 1870. Allora era un’osteria, punto di ritrovo dei “carrettieri”, quando si ritrovavano sotto l’enorme Leccio secolare che ancora oggi è l’emblema del locale. Negli anni non smette di esaltare i piatti tipici spezzini: la pasta fresca di produzione propria, il pesce sempre fresco, ravioli e primi di ogni tipo per ogni stagione.

ANTICA OSTERIA DA CARAN (Via Genova, 1): Se vi dico che hanno il “menù alla Spezzina” per aver un assaggio di tutti i piatti tipici della tradizione spezzina vi basta? Qui preparano piatti della cucina ligure rispettando la sua tradizione povera: si tratta infatti di piatti dall’origine contadina, montanara e marittima realizzati con ingredienti all’epoca comuni ed economici.

CUCINA VEGETARIANA/VEGANA:

IL PAPEOTO (Via Urbano Rattazzi, 25): Osteria vegetariana e vegana che unisce il calore di un’osteria di una volta con piatti sani e genuini senza rinunciare a gusto e sapore.

ORIGAMI (Via Alessandro Manzoni, 39/41): Non solo ristorante vegano. Origami è musica, arte, poesia, intrattenimento. Un luogo per sorseggiare un buon vino, degustare una birra artigianale oppure assaporare un cocktail. 

CUCINA CINESE/GIAPPONESE:

I-SUSHI (Via Domenico Chiodo, 79): Se anche tu adori il sushi e ne hai voglia anche durante la tua visita spezzina, da I-Sushi puoi deliziarti con i piatti della loro cucina giapponese.

MIHO SUSHI (Viale Italia, 32): Con la formula all you can eat di alta qualità sia a pranzo che a cena, Mio Sushi vi aspetta in un ambiente caldo ed accogliente.

LA GRANDE CINA (Viale Italia, 67): Questo ristorante ha fatto capolino in città ancora prima del boom dei ristoranti cino/giapponesi. Un locale informale con personale molto gentile.

PIZZA AL TAGLIO E PIZZERIE:

LA PIA CENTENARIA (Via Magenta, 12): Da oltre cent’anni in città. E’ nel 1887 che la Signora Pia apre uno “scragno” in Via del Prione per la vendita di pizza al taglio, farinata, focaccia e castagnaccio; cibo per la “povera gente”: operai, manovali, carrettieri, artigiani.

MARGHERITA E LE SUE SORELLE (Via Montalbano, 69): Una nuova idea di pizza, napoletana, leggera, genuina e golosa. Pizze condite in modo particolare con ingredienti di ottima qualità. I prezzi sono commisurati giustamente alla bellezza del locale alla bontà della pizza. Amo il loro assaggio di Tiramisù offerto alla fine.

IL TRITTICO (Via Felice Cavallotti, 62): Nel cuore del centro storico della città un’ottima pizzeria. Qui non potete assolutamente non assaggiare la pizza “canotto”, ovvero la pizza con bordo ripieno. Inoltre è possibile scegliere di fare il giro pizza, che merita sicuramente.

ACRONIA, LA CANTINA (Via Felice Cavallotti, 82): Premetto che non è una pizzeria, qui servono buon vino e sfornano taglieri di focaccia calda da condire con gli ingredienti che più preferite. Sicuramente non perdetevi quella al pesto o pesto e patate, ma anche pere e gorgonzola e fiori di zucca e stracchino non sono niente male.

CUCINA CHIC/CONTEMPORANEA:

OSTERIA DELLA CORTE (Via Napoli, 86): Cibo e Passione rappresentati da una cucina espressa: i piatti prendono vita nel momento in cui il cliente li ordina. Il loro scopo è la ricerca continua della qualità e del buono: pasta fresca fatta in casa, dai tagliolini, agli gnocchi, ai numerosi tipi di tortelli, ai maltagliati.

OSTERIA DA BARTALI (Via del Torretto, 64/66): Si tratta di un piccolo locale di recente nascita, l’atmosfera che si respira è sempre calorosa ed accogliente, ricorda gli ambienti stile provenzale. Consiglio di provare tra i loro antipasti le capesante e tra i primi il risotto gallinella e timo o quello con le cicale.

TRATTORIA BELLAVISTA (Via Urbano Rattazzi, 54): Trattoria storica che in tutti questi anni non si è mai fermata, reinventandosi sempre. Propone piatti ricercati con possibilità di scegliere tra menù fisso e a la cartè. Il loro risotto lime, gamberetti è burrata è il più buono che io abbia mai mangiato, ma anche i loro rotoli di branzino non sono niente male.

ER’ MAZELAO (Via Daniele Manin, 21): Se volete provare i panigacci (che non sono piadine!) in centro vi segnalo questo indirizzo. In realtà sono tipici della Lunigiana ed in particolare di Podenzana. Inoltre, vi segnalo che è possibile richiedere oltre ai taglieri di salumi anche quello vegetariano.

DOVE COMPARE LA FOCACCIA?

La “Fugassa” è il simbolo indiscusso di Spezia. Non conosce orari, e più è unta più è buona. I veri spezzini la inzuppano nel caffè-latte a colazione.

RIZZOLI (Via Fiume, 108): Qui la parola d’ordine è Triangolo! Si tratta di un panificio storico famoso per la sua focaccia a forma di triangolo. Da qualche anno ha aperto anche un altro punto vendita in Corso Cavour, 176 questo si chiama TRIANGOLERIA RIZZOLI. Oltre a trovare svariati tipi di pane e focaccia, troverete anche i Triangoli ai muscoli, alle verdure, a pizzetta e i mini triangoli.

Ritagliatevi 5 minuti per fare tappa qui.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *