UNA SETTIMANA A CORTINA: COSA FARE E COSA VEDERE

Finalmente le ferie! Finalmente la montagna! E.. Finalmente Cortina!

E’ con queste tre esclamazioni che voglio iniziare questo articolo! Chi come me?

In realtà a Cortina ci volevo andare da così tanto tempo che nemmeno me lo ricordo, ma poi una volta decidi che ci andrai l’anno prossimo, poi che è inverno e che forse sarà troppo freddo.

Poco male, è andata così fino ad un paio di settimane fa quando ci siamo decisi e siamo partiti, io il mio compagno e la Georgie.

DOVE DORMIRE A CORTINA

Se volete dormire a Cortina vi consiglio l’Hotel Royal che si trova in pieno centro.

Questo Hotel si trova a 100 mt. dal campanile del paese e a 300 mt. dagli impianti di risalita più vicini.

E’ ideale sia in estate che in inverno, le stanze non sono molto grandi e sono arredate in stile montagna.

La nostra scelta è ricaduta su quest’hotel in primis per la posizione ottimale e poi perché è pet-friendly (purtroppo non è così scontato trovare strutture che accettino i nostri amici a quattro zampe)!

COSA FARE E COSA VEDERE A CORTINA SE PIOVE

Premetto che durante il nostro soggiorno a Cortina il tempo non è stato per niente dalla nostra parte.

Rientrata, posso ufficialmente dire che non c’è un giorno in cui il cielo non ci abbia degnati di qualche goccia.

Avevamo studiato il nostro itinerario di viaggio da settimane, tutto nei minimi dettagli, avevamo programmato sentieri, lunghe passeggiate all’aria aperta e pranzi e cene nei rifugi ad alta quota..

A causa del meteo abbiamo dovuto accantonarlo e riorganizzare le nostre giornate, giorno per giorno.

La rabbia in certe giornate è stata tanta perché dopo due anni senza far ferie, una settimana di freddo e acqua proprio non ce la meritavamo, però alla fine l’importante è staccare la spina, giusto?

Vi propongo allora una serie di cose da fare a Cortina, alcune particolarmente più turistiche, come l’immancabile giro alla Cooperativa di Cortina, altre un pochino meno conosciute.

1. AMMIRARE GLI CHALET DI CORTINA

Gli chalet di Cortina si contraddistinguono per il posizionamento esclusivo, immediatamente a ridosso e con accesso diretto alle piste da sci.

Per i loro tetti a spiovente e le finiture di design progettate da architetti di fama internazionale, per l’esclusiva cura dei materiali scelti e l’elegante accostamento di tradizione, come appunto legno e pietra, e modernità, come vetro e acciaio.

E più le guardo, più mi viene voglia di entrare dentro e curiosare.

2. ANDARE ALLA RICERCA DELLE LOCATION DEL FILM “VACANZE DI NATALE 83”

Trascorsi 38 anni, abbiamo fatto un tutto nel passato e ci siamo divertiti ad andare alla ricerca di alcune delle più famose location del cinepanettone “Vacanze di Natale 83”.

Ci siamo persi tra Via Spiga e Via Prolongo alla ricerca di Residenza Covelli, la villa in cui alloggiava il giovanissimo Christian De Sica, oggi conosciuta come Baita dell’Orso.

Residenza Covelli

Siamo poi andati alla ricerca del ristorante e club bar di Cortina, il Vip Club, che molto a malincuore abbiamo trovato chiuso.

Qui, ancora oggi, se siete fortunati potrete sentire cantare Jerry Calà.

Altra location che eravamo curiosi di vedere è stato l’Hotel Cristallo, più che l’hotel eravamo curiosi di vedere la vista da quassù!

Hotel Cristallo

“Via della Spiga, Hotel Cristallo di Cortina: 2 ore, 54 minuti e 27 secondi… Alboreto is nothing!”

3. FARE UNA PASSEGGIATA SU CORSO ITALIA

Corso Italia

A differenza di altri paesi di montagna, Cortina è apprezzata soprattutto dagli amanti dello shopping.

Tra le numerose vetrine di lusso non dimenticate di fare una capatina da Ampezzan Fiori&Casa, l’ho scoperto per caso, ci sono passata davanti una sera mentre andavo a cena e sono rimasta piacevolmente colpita dalle loro vetrine e dai tanti oggetti messi in bella mostra sul prato adiacente lo shop.

Qui potrete trovare oggetti a completamento di arredo, quali tessuti, quadri, mobili, cuscini, tovaglie.

Oggetti autentici, vecchi e nuovi ma tutti con un determinatore comune: materiali naturali, legno, ferro, vetro, lana, feltro e naturalmente fiori. 

Altra piacevole scoperta è la bottega Sottosopra, che è riuscita ad unire articoli diversi tra loro in uno spazio unico.

Soprannominato anche il negozio dei calzettoni da alcuni locals, è uno dei migliori negozi per acquistare calze e calzettoni e soddisfare così le esigenze di tutti.

4. FARE UN GIRO ALLA COOPERATIVA DI CORTINA

Vi avevo accennato all’inizio che avrei stilato una lista di cose da fare, di cui alcune molto turistiche; il giro alla Cooperativa di Cortina, rientra per l’appunto in questo gruppo.

La Cooperativa a noi è tornata utile in un pomeriggio di forte pioggia, facendoci compagnia per un’oretta.

Si tratta di una struttura multipiano all’interno della quale è possibile fare la spesa, acquistare profumi o souvenir oppure fare shopping tra alcuni dei migliori marchi di abbigliamento e di calzature.

E’ un pò una sorta di Rinascente.

Arrivati al primo piano, proprio davanti alle scale mobili, sicuramente non passeranno inosservati i prodotti della linea “CORTINA” si tratta di t-shirt, felpe e maglioni che troverete anche in altre vetrine di Corso Italia.

Vi segnalo che alcuni di questi prodotti sono in vendita anche nel negozio Stock House Cortina, che si trova nella salita prima della Cooperativa, a prezzi leggermente ridotti.

5. VEDERE IL LAGO MISURINA e IL LAGO ANTORNO

Lago di Misurina

Il Lago di Misurina, conosciuto anche come “Perla delle Dolomiti” per la sua bellezza, è il lago naturale più vasto del Cadore.

Attorno a questo lago si aprono alcune tra le vette più belle delle Dolomiti: le Tre Cime di Lavaredo, il Sorapiss, i Cadini e il Cristallo.

E’ il luogo ideale per intraprendere piacevoli passeggiate lungo le rive completamente a contatto con la natura, adatte sia a famiglie che ad appassionati di trekking.

Il giro del lago noi lo abbiamo effettuato muniti di k-way e ombrello. Si tratta di un percorso ad anello molto semplice.

Inoltre, il lago di Misurina è considerato anche “oasi del buon respiro” poiché presenta un particolare microclima benefico e un’aria balsamica ottimali per chi soffre di disturbi respiratori.

Poco distante, a soli due km. sorge un’altro bacino naturale, il Lago Antorno.

Sulle acque di questo lago si specchiano le Tre Cime di Lavaredo (ovviamente noi non abbiamo avuto la fortuna di godere di questo spettacolo).

Lago Antorno

6. SALIRE ALLE TRE CIME DI LAVAREDO

Le Tre Cime di Lavaredo
Le Tre Cime di Lavaredo

Ci tenevo molto a vedere e fare l’escursione sulle Tre Cime di Lavaredo, ma come ripetuto più volte il tempo non è stato dalla nostra parte.

Sicuramente presi dalla curiosità e nella speranza che il tempo migliorasse, essendo in zona abbiamo deciso comunque di salire.

La salita sulle Tre Cime, in auto, prevede a partire dal 30/06 il pagamento di un pedaggio di 30,00 €.

Un’alternativa ecologica per la salita è il Bus Navetta che parte dalla stazione degli autobus di Dobbiaco.

Dal 10/07 al 10/09 è richiesta la prenotazione della navetta con pagamento online. Potete acquistare i biglietti QUI.

Il costo è di 16,00 € per gli adulti e di 9,00 € per i bambini da 6 a 14 anni e i nostri amici a 4 zampe.

Inutile dirvi che a metà strada siamo stati avvolti dalla nebbia e arrivati su c’era una tempesta di pioggia e solo 4 gradi.

Abbiamo temporeggiato, fermandoci a pranzo al Rifugio Auronzo, che si trova a 2.333.

7. NOLEGGIARE LE E-BIKE

Il programma fatto a casa prima della partenza prevedeva il noleggio delle E-Bike per un’intera giornata per percorrere la Lunga Via delle Dolomiti, ma non sempre le cose vanno secondo i nostri piani.

Per questo, ci siamo dovuti accontentare di mezza giornata proprio a causa del tempo, tempo che comunque non ci ha risparmiati.

Muniti quindi di felpa e sopratutto k-way ci siamo recati da SnowService per noleggiare le nostre bici elettriche e seguire la ciclabile sulle orme del vecchio trenino delle Dolomiti.

Vi segnalo inoltre che sul loro sito è possibile trovare numerosi itinerari.

8. VISITARE SAN VITO DI CADORE e IL LAGO MOSIGO

Lago di Mosigo

San Vito di Cadore, con il vicino lago di Mosigo, è di sicuro una delle cose da vedere se si è in zona Cadore e Cortina d’Ampezzo in estate.

Il lago, recentemente venuto alla ribalta  per essere il nuovissimo set del telefilm “Un passo dal Cielo” è davvero un gioiellino.

Qui, si trova anche un parco giochi per bambini, un campo da minigolf e un fantastico sfondo con la Croda Marcora.

9. PRANZARE A BAITA PRA’ SOLIO

La Botte dell'Amore
La Botte dell’Amore

Su consiglio di Anna Scrigni, trovandoci nella Valle del Cadore per l’ora di pranzo abbiamo deciso di fare tappa a Baita Pra Solio.

Lo staff vi accoglierà in questa baita dall’atmosfera calda e intima, arredata in stile montano con legno recuperato da vecchi fienili e con oggetti da collezione che ricordano la vita e i mestieri di un tempo.

L’ambiente è composto da piccole sale raccolte, riscaldate dal caminetto e dalle stufe.

La cucina, curata da Tito il proprietario, propone piatti tipici della tradizione, preparati in casa con materie prime in parte provenienti dal proprio orto.

Casunzièi alle Rape Rosse

Il mio consiglio è quello di prenotare, sia che decidiate di andare alla sera sia che optiate per un pranzo.

10. VILLAGGIO ENI A BORCA DI CADORE

Casa a Triangolo Equilatero
Casa a Triangolo Equilatero

Incuriosita dalle foto online, siamo andati in esplorazione alla ricerca delle casette a forma di triangolo equilatero.

Siamo all’interno del Villaggio Eni di Borca di Cadore, realizzato tra la fine degli anni ’50 e gli inizi degli anni ’60 da Enrico Mattei, presidente Eni.

L’idea era quella di creare un villaggio vacanza per i 6.000 dipendenti Eni, dai dirigenti agli operai, senza alcuna distinzione.

Si trattava di un esperimento d’utopia sociale, realizzato solo in parte a causa della sua scomparsa nel 1962 di Mattei.

Il progetto fu realizzato poi dall’ architetto Edoardo Gallner, in primis, e Carlo Scarpa, per alcune parti.

Del villaggio fanno parte 280 villette monofamiliari, la chiesetta, l’albergo, il residence e il campeggio.

11. PRENDERE LA FUNIVIA FALORIA

Funivia Faloria
Funivia Caloria-Cristallo

Se il tempo regge vi consiglio di prendere la Funivia Faloria Cristallo che dal centro di Cortina porta al Monte Faloria (m. 2.120 s.l.m).

Dall’ 11 Giugno al 3 Ottobre la Funivia è aperta tutti i giorni con orario 8:30 – 16:30. E ultima discesa alle 17:00.

Il costo a persona per un biglietto andata e ritorno è di 22,50 € in bassa stagione e 23,50 € in alta stagione (che va dal 1 al 29 Agosto). Prezzi un pò alti, ma sicuramente giustificati dal panorama e dalla manutenzione.

L’impianto si costituisce di 3 stazioni: quella inferiore a Cortina, in prossimità della stazione degli autobus, quella intermedia in località Mandres e una stazione a monte, raggiunta con un’unica successiva campata, superando un dislivello di 646 metri che approda al rifugio Faloria.

Proprio quest’ultimo tratto della salita, che prevede il transito della vettura a pochi metri dalla roccia, correndo parallela alla montagna, regala una spettacolare vista sulle Dolomiti.

Arrivati al Faloria noi, abbiamo avuto giusto il tempo di arrivare al Rifugio Tondi, concederci un buon pranzo per poi tornare giù.

Raggiungibile con passeggiata di circa mezz’ora dalla stazione a monte della Funivia del Faloria, qui si gode di un panorama mozzafiato accompagnato da piatti tipici.

Piatto dell'Alpinista
Piatto dell’Alpinista

12. FARE MERENDA ALLA PASTICCERIA ALVERA’

Tiramisù pasticceria Alverà
Tiramisù

La Pasticceria Alverà è stata aperta nel 1914, susseguendosi poi di generazione in generazione.

Costituisce una tappa fissa per fermarsi a fare merenda il pomeriggio oppure d’inverno al rientro dalle piste di sci.

È un piccolo tempio del gusto che ogni giorno sforna deliziose prelibatezze pronte a soddisfare anche i palati più raffinati.

Miraccomando non uscite da qui, senza aver assaggiato, la loro mini-torta ai tre cioccolati. Un dolce così buono,

Torta ai Tre Cioccolati
Torta ai Tre Cioccolati

13. VEDERE IL LAGO DI BRAIES

Ultima e non per questo meno bella, visitare il Lago di Braies.

Lago di Braies

Questo Lago si trova a 47 km. dal centro di Cortina, poco meno di un’oretta di macchina e se non lo avete mai visitato.. Merita sicuramente una tappa.

Anche solo per qualche ora.

Trovate QUI alcuni consigli e alcune informazioni utili.

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *